28 apr 2014

Orzo fave e acacia

Nel titolo c'è già tutto, questa è una ricetta di una semplicità estrema, salutare e leggerissima. Ovvio che questo piatto lo si può fare solo in questo periodo (aprile) poichè la fioritura delle acacie dura pochissimo.

Ingredienti per 2 persone:
-1 confezione di orzo ( visto che occorrono 20  minuti di cottura iocuocio la confezione intera, uso quello che mi serve ed il resto lo surgelo per un'altra volta)
-Una decina di fave fresche come minimo
-almeno 3 o 4 pigne di fiori di acacia
-olio evo
-sale
-pepe
(facoltativo percorino grattugiato alla fine, io non l'ho messo)

Far bollire l'orzo in acqua salata per 20 minuti circa.
In una padella mettere a freddo del buon olio evo, le fave sgusciate ed i fiori di acacia. Una volta cotto l'orzo scolatelo e raffreddatelo, aggiungetelo alla padella. Mescolate bene tutto, metterlo appena sul fuoco in modo solo da scaldare senza cuocere le fave e i fiori, una macinata di pepe alla fine ed è pronto! Si fa prima a farlo che a dirlo.

19 apr 2014

Fischiotti del pescatore e del pastore

Chi non ha in freezer i classici filetti di merluzzo? Tanto buoni per carità...ma non fanno proprio allegria vero? Bene ieri sera ho provato ad usarli in un modo alternativo ed è venuta fuori una cosina niente male!
Ingredienti per 2 persone(per noi con queste dosi è un piatto unico)
3 filetti di merluzzo a striscioline
un pezzetto di quartirolo ( si può anche sostiruire con feta o con una fetta di pecorino fresco) tritato a pezzettini piccoli
2 o 3 cucchiai di pecorino romano grattugiato
la scorza di mezzo limone biologico fatta a ritaglini ( al limite grattugiata)
2 o 3 foglie di salvia
un rametto di timo
olio evo q.b.
sale (poco perchè c'è il pecorino!) e pepe
200 g. di fischiotti

Mettete tutti gli ingredienti , esclusi formaggi e pepe, insieme  in una capiente saltapastae accendete il fuoco che non deve essere ne troppo alto nè troppo basso, appena vedete che il pesce è cotto, ci mette pochissimo, spegnete tutto.
Quando la pasta è al dente scolatela, aggiungete un cucchiaio di acqua di cottura saltatela con il sugo, a fuoco spento aggiungete i formaggi mescolando bene e una bella macinata di pepe.

11 apr 2014

Crostatine di pane toscano

Sono sempre alla ricerca di modi per usare la marmellata fatta in casa da mio marito poichè la solita fetta biscottata mi fa tristezza e fare la crostata vera è troppo grassa.
Ieri ho pensato di usare il pane vecchio, quello che una volta avanzato preparo a fettine e metto nel surgelatore in attesa di riciclo.
Ho semplicemente messo nella teglia le fette di pane ( il pane toscano o un pane simile è fondamentale per la riuscita perchè pani morbidi tipo quello a cassetta usati così diventano una pappetta!), vi ho adagiato sopra delle fettine di mozzarella, un cucchiaino di marmellata su ogni fetta, e una spolverata di cannella.
Ho usato la marmellata di susine (su questa la cannella non ci va, al limite un po' di zenzero in polvere), la marmellata di pere e quella di pere cotogne.
Se non avete la mozzarella va benissimo, anzi meglio, lo stracchino o la crescenza, che fa un contrasto maggiore con la marmellata.
Una colazione nutriente, sana e alternativa.

02 apr 2014

Tagliatelle al cacao con nasello e pistacchio

Ingredienti per 2 persone:

200 gr. circa di tagliatelle al cacao secche (io le ho acquistate in un pastificio artigianale della mia zona)
2 filettini di nasello (io prendo quelli surgelati già porzionati, in alternativa ottima la sogliola ma meno economica)
1 grosso cucchiaio di burro (uso quello light...sai com'è con il colesterolo non si scherza!)
1 confezione di panna alla soya (più leggera di quella di latte)
1 bicchierino di vinsanto ( va bene anche altro vino liquoroso purchè non troppo dolce, oppure anche il grand marnier se lo avete)
erba cipollina a piacere
2 o 3 cucchiai di granella di pistacchio
sale e pepe q.b.

Procedimento:
Mettere nella padella il burro con l'erba cipollina e i due filetti di nasello a pezzettini, poco sale e farli rosolare piano piano in modo che il burro non bruci. Sfumare con il liquore e una volta ritirato aggiungete la panna, mescolate bene, spengete il fuoco e coprite il tutto.
Una volta cotta la pasta mettetela saltatela nella padella con il sugo avendo cura di aggiungere un po' di acqua di cottura perchè non restino troppo asciutte le tagliatelle.
Finite con una macinata di pepe e una bella spolverata di granella di pistacchio.